mercoledì, Aprile 24, 2024
Ad ogni vittoria la sua estate

Chiacchierata esclusiva con Lennon & McCartney

A dir la verita’, la telefonata di Lennon, mi e’ giunta inaspettata: “Ciao, visto che abbiamo finito la serie delle estati vittoriose, che ne dicici di fare una chiaccherata. Se per te va bene, ci vediamo domani sera alla mia vigna. Ti fermi a cena, una cosa leggera, e intanto si parla. Ci sara’ pure Paul”.

La sera dopo, mi sono presentato, da solo con una vasca di gelato di Piperone. Non vi sto a raccontare le peripezie per trovare la vigna, ma una volta ragiunta, devo dire che valeva la pena, anche soltanto per il meraviglioso scenario che mi trovavo davanti: Argentarola, Giglio fino a Montecristo e le Formiche. Eravamo solo noi tre, lennon arruffato e contadinesco come da quando lo conosco, paul piu’ fighetto e silensioso. Mentre John versava dell’ ottimo vino di Cala Grande, mi e’ partita la prima domanda:

redazione: Lo sapete che la vostra rubrica ha avuto un enorme successo? Ma come vi e’ venuta l’idea?
John: l’idea e’ venuta a me leggendo la storia di Rotonda sul Moletto. Mi piacque subito,e dai messaggi mandati dagli utenti, vedevo che l’ argomento tirava. Il Moletto, la spiaggia, si parlava sopratutto di mare, di canzoni, di jue box. Allora pensai, perche’ non fare qualcosa di piu’ approfondito che riguardava le Estati al Molo. Ma per fare questo mi serviva un attocco, e allora mi venne l’idea degli anni vittoriosi della Pilarella. Un arco che andava dal 1037 al 1998. Al momento poteva bastare. Poi mi venne il dubbio che da solo non ce l’ avrei fatta e allora come aiuto mi venne in mente quel vagabondo del mi nipote, quello che e’ davanti a te. Quanto mi ha fatto pena’!

Nel mentre che parlava John era impegnato al forno, e la prima pizza era sul tavolo.

redazione: Tutte le Estati da voi raccontate hanno avuto successo, ma clamoroso e’ stato quello dell’ Estate 1970, piu’ di 1500 contatti. Vi potete spiegare il perche’?

John: Noi abbiamo iniziato questa serie con Pilarella. com. Ricordo che il racconto delle Estati 1954-55-56-57 e’ stato riportato anche nel libro del Cinquantenario delle quattro vittorie di fila. Per noi fu una bella soddisfazione, anche se i nostri nomi non venivano mensionati nei contributi di seconda copertina. Quando poi ci fu il cambio di direttivo rionale, la Bionda ci contatto per continuare con loro, ma noi preferimmo continuare con voi. Ma i contatti che ci furono nelle estati pubblicate sul punto com, non sono riportati sul punto net. Quindi la statistica sulle visite non e’ esatta. Devo dire che comunque non mi aspettavo il successo clamoroso dell’ estate 70, anche perche’ e’ la piu’ lunga e credevamo annoiasse un po’. Cosi’ non e’ stato.

Paul: E poi , se non ricordo male , l’estate 70 e’ la prima pubblicata si punto net, dopo un lungo periodo di assenza. Forse si trattava di crisi d’ astinenza.

Finita la pizza si passa al baccala’ a strappetti con pomodorini e mesticanza, guai a chiamarla rucola,lennon s’incazza a bestia.

redazione: c’e’ un estate che avreste voluto raccontare , ma visto la vittoria di un altro rione non vi e’ stato possibile?

John: purtroppo e’ un mio cruccio, perche’ quelle erano le mie estati. Parlo del 1966-67-68, gli anni della prima coppa d’ oro del Valle. il paese , la Pilarella, in quegli anni cambiarono radicalmente. E cosi’ noi giovani. Come avete potuto vedere , i nostri racconti sono pieni di canzoni, perche’ le canzoni sono la colonna sonora della nostra vita. E in quelle estati ogni canzone era un hit. Un hit che si ricorda ancora oggi. Basti ricordare le hit parade , quelle presentate da Lelio Luttazzi ogni Venerdi:

 

HitParadeItalia – Hit Parade del 13 Agosto 1966
POS. Prec. TITOLO INTERPRETE
1 1 Notte di ferragosto Gianni Morandi
2 3 Che colpa abbiamo noi Rokes
3 4 Riderà Little Tony
4 2 Tema Giganti
5 5 Strangers in the night Frank Sinatra
6 6 Io ho in mente te Equipe 84
7 7 Paint it black Rolling Stones
8 8 Paperback writer Beatles
9 9 Amo Adamo
10 12 Se la vita è così Tony Del Monaco

HitParadeItalia – Hit Parade del 12 Agosto 1967
POS. Prec. TITOLO INTERPRETE
1 1 La coppia più bella del mondo Adriano Celentano
2 2 Nel sole Al Bano
3 3 A chi Fausto Leali
4 4 La banda Mina
5 5 La mia serenata Jimmy Fontana
6 9 A whiter shade of pale Procol Harum
7 6 La rosa nera Gigliola Cinquetti
8 7 Stasera mi butto Rocky Roberts
9 8 Non c’è più niente da fare Bobby Solo
10 14 All you need is love Beatles

HitParadeItalia – Top10 del 10 Agosto 1968

1. La nostra favola – Jimmy Fontana
2. Luglio – Riccardo Del Turco
3. Ho scritto t’amo sulla sabbia – Franco IV e Franco I
4. Azzurro – Adriano Celentano
5. Angeli negri – Fausto Leali
6. Cinque minuti e poi – Maurizio
7. Non illuderti mai – Orietta Berti
8. Avevo un cuore che ti amava tanto – Mino Reitano
9. La bambola – Patty Pravo
10. Delilah – Tom Jones

Come diceva Ulisse Gessani, grande personaggio dell’ epoca: ” Non so se mi spiego…”

A vincere fu un grande equipaggio, e sicuramente il piu’ grande a vincere una Coppa d’oro. Furono i Beatles del Palio, se Sarzilla era il John Lennon, tutta sregolatezza. Ballini era McCartney il bello e romantico, se Veriani era Harrison il silenzioso, Pisello nano dettava i tempi come Ringo alla batteria.

redazione: e Valentino?

John: Lui era Andy Warhol.

E poi devo dire che ci sarebbe piaciuto anche raccontare l’ estate 1969 vinta dalla Croce. L’ avremmo raccontata con un solo avvenimento.

HitParadeItalia – Top10 del 09 Agosto 1969

1. Lisa dagli occhi blu – Mario Tessuto
2. Storia d’amore – Adriano Celentano
3. Pensiero d’amore – Mal
4. Non credere – Mina
5. Rose rosse – Massimo Ranieri
6. Pensando a te – Al Bano
7. Ti voglio tanto bene – Rossano
8. L’altalena – Orietta Berti
9. Acqua azzurra, acqua chiara – Lucio Battisti
10. Davanti agli occhi miei – New Trolls

Siamo ormai al dolce, una squisita crostata alla ricotta fatta dalla mamma della ragazza di Paul, vallaiola sfegatata.

redazione: ma pensate che queste storie serviranno a qualcuno in futuro

John: non solo queste, ma tutto cio’ che si scrive oggi su internet, un giorno puo’ servire a chi vuol raccontare il paese . Mi viene in mente per esempio, un pezzo su Baldovino, scritto di recente su fortezza.com. Veramente ben fatto. I ragazzi di oggi crescono in un mondo completamente stravolto a quello di soli 20 anni fa. Tutto e’ cambiato, a cominciare dal linguaggio. Per esempio oggi, tutti, giovani e vcchi, vallaioli e pilarellai, dicono piattaforma del Moletto. La parola blocco e’ ormai nel dimenticatoi, cosi’ come gli spunzoni su cui camminavamo. Non ci crederete, ma anche il piu’ noto scrittore Pilarellaio di questa epoca, tempo fa mi diceva: ” Ci vediamo d’estate sulla Piattaforma del Moletto”.

redazione: E’ stato piu’ bello raccontare le prime o le ultime vittorie?

John: le prime. Sembrera’ strano, ma piu’ ci avvicinavamo ai giorni nostri, e meno fatti mi ricordavo. Meno male, qui lo devo dire, c’era lui, Paul, che mi aiutava.

redazione: lo sapete che proprio giorni fa, un utente ha scritto che ci avete messo troppo a raccontare 23 vittorie. Tre anni…

Paul: la prossima volta ci pensasse lui, se e’ cosi’ bravo.

A questo punto lennon mi passa l’ipod. Mi dice che c’e’ una compilation di piu’ di 300 canzoni, con le canzoni che si cantavano le 23 estati raccontate. Si parte da Maramao perche’ sei morto, e finisce con La copa de la vida. Me ne faro’ una copia pure io.

redazione:
a quando la prossima puntata?

John: ho sempre avuto la convinzione che, fino a quando non finivamo di raccontare le 23 vittorie, non avremmo rivinto, quindi…..

Con questa domanda finisce la splendida serata con i nostri amici, che ringraziamo ancora una volta per il loro prezioso lavoro, e aspettando ansiosi la prossima puntata.

Ciao

Lennon-McCartney