Le nuove modifiche allo Statuto del Palio

Forse in pochi sanno che nell'ultimo Consiglio Comunale è stato aggiornato lo Statuto del Palio. Le modifiche riguardano soprattutto l'aspetto strutturale ed organizzativo dell'Ente. Nell'organigramma alcune figure sono state sostituite da altre, nuove commissioni, più soldi a disposizione ai rioni. Ma veniamo nel dettaglio. La prima parte riporta gli articoli vecchi, di seguito (in neretto) gli aggiornamenti.

 

 

 

 

Vecchio Statuto

 

OMISSIS

P A R T E   I I

STATUTO GENERALE DEL PALIO MARINARO DELL'ARGENTARIO  E DEI QUATTRO RIONI DI PORTO S. STEFANO

TITOLO I

STATUTO GENERALE DEL PALIO MARINARO DELL'ARGENTARIO
   

OMISSIS

ART. 61) Composizione del Consiglio dell’ Ente  Palio. 

Il Consiglio del  Palio è composto:

a) dal Presidente dell’ Ente  Palio;
b) dal Capitano del Palio,;
c) dal Presidente Onorario del Palio;
d) dal Segretario del Palio,
e) dal Tesoriere
f) dal Direttore tecnico,
g) dal Responsabile alle Relazioni Esterne
h) dal Medico sportivo, senza diritto di voto;

solo su invito del Presidente,possono prendere  parte al Consiglio dell’ Ente Palio, ma senza diritto di voto anche i quattro Capitani dei Rioni.

Il Consiglio dell’ Ente  Palio avrà la medesima durata del Capitano del Palio.

ART.62) Rinnovo del Consiglio dell’ Ente Palio

Entro il mese di Ottobre  di ogni  tre anni il Sindaco convoca l’uscente Consiglio dell’ Ente Palio con la partecipazione dei 4 capitani dei Rioni al fine di rinnovare il Consiglio stesso:
Nella riunione, i 4 Capitani dovranno presentare due nominativi, tra cui scegliere il  Capitano del Palio e due nominativi da cui scegliere il Direttore Tecnico.
Con votazione a scrutinio segreto su scheda pre-stampata viene votato un solo nominativo (voto uninominale) e risulterà eletto chi ha ottenuto il maggior numero di voti.
In caso di parità prevarrà il più anziano.
Nell’occasione il segretario uscente verbalizza la riunione.
Entro 10 giorni dall’avvenuta elezione il Capitano, di concerto con il Sindaco,  sceglie il Segretario ed il Responsabile Relazioni Esterne.

Presidente del Consiglio dell’ Ente Palio è il Sindaco pro-tempore del Comune di Monte Argentario, o Suo delegato.

In detta riunione può essere nominato il Presidente Onorario del Palio. Questa onorificenza può essere conferita in via eccezionale, a persone che hanno conseguito meriti particolari in seno al Palio Marinaro dell’ Argentario.

ART. 63) Durata della carica.

Il Consiglio dell’Ente Palio come anche il Capitano del Palio  resta in carica tre anni ed è rieleggibile.

ART. 64) Competenze dell’Ente Palio.

Spetta all’Ente Palio di deliberare:
a) in materia di Statuto: eventuali proposte di modifica concordate con i quattro Rioni da sottoporre all’approvazione dell’Amministrazione Comunale di Monte Argentario;
b) in materia di bilancio: approvazione del bilancio preventivo e del conto consuntivo;
c) in merito a tutti i provvedimenti che possono interessare la manifestazione nella sua organizzazione o ogni altro evento correlato al Palio Marinaro.
Resta inteso che il Consiglio dell’ Ente Palio ha competenza generale e le proprie delibere non possono avere in nessun modo prevalenza sulle norme stabilite dal presente statuto

ART. 65) Competenze del Capitano del Palio

Spetta al Capitano del Palio:
a) Nominare il Vice-Capitano
b) rappresentare l’ Ente, a tutti gli effetti;
c) vigilare sull'andamento del Palio Marinaro;
d) dare esecuzione alle deliberazioni dell’ Ente Palio.

ART. 66) Competenze congiunte del Capitano e del  Segretario dell’ Ente Palio.

Di concerto con il Segretario del Palio,il Tesoriere,  il Capitano del Palio:
a) predispone il bilancio preventivo ed il conto  consuntivo da sottoporre all'approvazione del Consiglio del Palio;
b) firma gli atti relativi agli interessi del Consiglio del Palio;
c) cura la gestione amministrativa e contabile del Consiglio del Palio;
d) provvede alla liquidazione delle spese inerenti  i servizi del Consiglio del Palio;
e) cura la corrispondenza, il protocollo, i verbali e gli atti del Consiglio del Palio.
f) la gestione della tesoreria dell’ Ente Palio

ART. 67) Competenze del Direttore Tecnico dell’ Ente Palio

Il Direttore Tecnico presiede la Commissione Tecnica , darà attuazione alle sue deliberazioni e ne sarà portavoce in seno al Consiglio dell’ Ente Palio; sovrintenderà alle operazioni di controllo tecnico e preventivo spettanti per Statuto alla Commissione.

ART. 68) Mansioni del Segretario dell’ Ente Palio..

Spetta al Segretario del Palio:
a) elaborare un calendario e uno scadenzario delle attività dell’Ente Palio e del suo Consiglio
b) verbalizzare le sedute del Consiglio dell’ Ente Palio;
c) redigere i verbali come previsti dallo Statuto;
d) raccogliere e conservare gli atti ufficiali del Palio, divisi tra loro per edizione, con tutti i
verbali, documenti ed atti che ad esso si riferiscono;
e)    predisporre gli inviti per le riunioni del Consiglio e curarne la notifica agli interessati in forma scritta, salvo in casi di urgenza in cui convocare i membri del Consiglio con il mezzo più celere che ritiene opportuno
f)    curare la corrispondenza ed il protocollo, nonché la tenuta di albi e registri
g)    aggiornare gli archivi
h)    ritirare le liste degli equipaggi, dei dirigenti e dei tesserati di ogni singolo Rione
i)    tenere aggiornato l’archivio del Consiglio dell’Ente Palio.

 

ART. 69) Competenze del Responsabile Relazioni Esterne.

Sono compiti del responsabile delle Relazioni esterne
a)    coordinare in relazione alle manifestazioni legate al Palio marinaro dell’Argentario tutte le azioni che devono essere intraprese
b)    fissare i criteri e gli indirizzi, nonché le modalità di esecuzione delle attività da svolgersi in maniera coordinata tra i quattro rioni
c)    proporre al consiglio del  Palio nuove iniziative, curandone l’aspetto  organizzativo e logistico
d)    essere tramite e coordinatore attivo per l’organizzazione del corteo storico
e)    curare i rapporti con altri enti pubblici, associazioni, società private per la buona riuscita del Palio e delle manifestazione di corredo
f)    proporre una lista di artisti tra cui scegliere gli esecutori del Palio, del Manifesto del Palio e del Manifesto della consegna dei battelli
g)    promuovere forme di propaganda pubblicitaria
h)    procacciare e ricevere sponsorizzazioni o introiti per l’Ente Palio
i)    mantenere i contatti con il Comune di Monte Argentario per quanto riguarda il cartello festeggiamenti del Palio Marinaro dell’Argentario
j)    mantenere i contatti con i mass-media
k)    curare i rapporti con la stampa e la televisione locale e non
l)    sovraintendere e curare l’immagine dell’Ente Palio e del Consiglio del Palio
m)    promuovere iniziative culturali a scopo strettamente pubblicistico e di tutela valorizzando la manifestazione anche attraverso produzioni scritte ed audiovisive 

ART. 70) Convocazione del Consiglio dell’ Ente Palio.

Il Consiglio del Palio può essere convocato a mezzo di invito scritto o e-mail da inviarsi almeno tre giorni prima della seduta, con l'indicazione dell'ordine del giorno.
a) dal Sindaco di Monte Argentario o suo delegato;
b) dal Capitano del Palio;
c) da 3 membri del Consiglio

ART. 71) Entrate dell’ Ente Palio.

Le entrate  possono essere di tipo istituzionale e commerciale:
Si considerano entrate istituzionali:
a) il contributo annuo del Comune di Monte Argentario;
b) i contributi di ogni altro Ente pubblico o privato;
c) i proventi delle penali e delle ammende;
d) ogni altra donazione spontanea e volontaria.
Si considerano entrate commerciali:
e) pubblicità
f) sponsorizzazioni
g) introiti per diritti televisivi
h) ogni altra entrata di bilancio reperita con manifestazioni collaterali di cui all’Art 58 del presente Statuto.
Tutti gli eventi legati alle predette entrate commerciali dovranno essere preventivamente concordate con i Rioni.

Le somme derivanti dagli introiti istituzionali devono essere esclusivamente destinate alla sopravvivenza dell’Ente Palio e dei quattro Rioni.

Le somme derivanti dalle entrate commerciali, possono essere utilizzate dall’Ente Palio per l’ammodernamento, l’ampliamento e il potenziamento dei mezzi propri, fino ad un massimo consentito del 50%. Le eventuali somme non impiegate unitamente al restante 50% saranno ripartite tra i quattro Rioni.

.OMISSIS.

 

________________________________________________

 

 

Statuto aggiornato

 

OMISSIS

P A R T E   I I

STATUTO GENERALE DEL PALIO MARINARO DELL'ARGENTARIO  E DEI QUATTRO RIONI DI PORTO S. STEFANO

TITOLO I

STATUTO GENERALE DEL PALIO MARINARO DELL'ARGENTARIO

OMISSIS.

 

ART. 58) Composizione del Consiglio dell’ Ente  Palio. 

Il Consiglio del  Palio è composto da:

a)  Presidente  Ente  Palio;
b)  Capitano del Palio,;
c)  Direttore Tecnico;
d)  Direttore Artistico
e)  Direttore Promozione e Marketing
f)   Segretario – Tesoriere,
g)  Medico sportivo
h)  Sei consiglieri (due per ogni commissione)
Hanno diritto di voto le persone che rivestono la cariche di cui ai punti a-b-c-d-e

solo su invito del Presidente o del Capitano del Palio, possono prendere  parte al Consiglio dell’ Ente Palio, ma senza diritto di voto anche i quattro Capitani dei Rioni.

Il Consiglio dell’ Ente  Palio avrà la medesima durata del Capitano del Palio.

 

ART.59) Rinnovo del Consiglio dell’ Ente Palio

Ogni tre anni entro il relativo mese di Ottobre il Sindaco convoca l’uscente Consiglio dell’ Ente Palio con la partecipazione dei 4 capitani dei Rioni dando inizio alla procedura di rinnovo del Consiglio stesso:

Nella riunione, ogni Capitano potrà presentare direttamente al Sindaco almeno un nominativo, designato alla carica di Capitano del Palio

Il Sindaco in qualità di  organo istituzionale dell’ Ente Palio sceglie tra i nominativi presentati il Comandante del Palio, ma può anche nominare in alternativa alle proposte presentate dai capitani dei 4 rioni persona di sua fiducia purché ne dia motivata giustificazione.
Nell’occasione il segretario uscente verbalizza la riunione.

Entro 10 giorni dall’avvenuta elezione il Capitano del Palio , di concerto con il Sindaco,  sceglie i tre Direttori (Tecnico, Artistico e Promozione-Marketing) nonché il Segretario-Tesoriere.

Presidente del Consiglio dell’ Ente Palio è il Sindaco pro-tempore del Comune di Monte Argentario, o Suo delegato.

In detta riunione può essere nominato un Presidente Onorario del Palio, onorificenza conferita in via eccezionale, a persone che hanno conseguito meriti particolari in seno al Palio Marinaro dell’ Argentario .

Il Presidente Onorario del Palio ha mansione esclusivamente consultive.

 

ART. 60) Durata della carica.

Il Consiglio dell’Ente Palio come anche il Capitano del Palio  resta in carica tre anni ed è rieleggibile.

 

ART. 61) Competenze dell’Ente Palio.

Spetta all’Ente Palio di deliberare:
a) in materia di Statuto: eventuali proposte di modifica concordate con i quattro Rioni da sottoporre all’approvazione dell’Amministrazione Comunale di Monte Argentario, così come recepire modifiche apportate dall’ Amministrazione in sede consiliare.
b) in materia di bilancio: approvazione del bilancio preventivo e del conto consuntivo;
c) in merito a tutti i provvedimenti che possono interessare la manifestazione nella sua organizzazione o ogni altro evento correlato al Palio Marinaro.
Resta inteso che il Consiglio dell’ Ente Palio ha competenza generale e le proprie delibere non possono avere in nessun modo prevalenza sulle norme stabilite dal presente statuto

 

ART. 62) Convocazione del Consiglio dell’ Ente Palio.

Il Consiglio del Palio può essere convocato a mezzo di invito scritto o e-mail da inviarsi almeno tre giorni prima della seduta, con l'indicazione dell'ordine del giorno.
a) dal Sindaco di Monte Argentario o suo delegato;
b) dal Capitano del Palio;

 

ART. 63) Competenze del Capitano del Palio

Spetta al Capitano del Palio:
a)  rappresentare l’ Ente, a tutti gli effetti;
b) vigilare sull'andamento del Palio Marinaro;
c) dare esecuzione alle deliberazioni dell’ Ente Palio.
d) partecipare alla scelta dei tre direttori (Tecnico, Artistico, Promozione e Marketing) e il Segretario Tesoriere

 

ART. 64) Competenze del Direttore Tecnico.

Sono compiti del Direttore Tecnico:

presiedere la Commissione Tecnica, portare in seno al Consiglio  dell’ Ente Palio l’ azione propositiva della Commissione, dare attuazione alle deliberazioni di competenza emanate dell’ Ente Palio.

 

ART. 65) Competenze del Direttore Artistico.

Sono compiti del Direttore Artistico:
presiedere la Commissione Artistica, portare in seno al Consiglio  dell’ Ente Palio l’ azione propositiva della Commissione, dare attuazione alle deliberazioni di competenza emanate dell’ Ente Palio.

 

ART. 66) Competenze del Direttore Promozione e Marketing

Sono compiti del Direttore Promozione e Marketing

presiedere la Commissione Promozione e Marketing, portare in seno al Consiglio  dell’ Ente Palio l’ azione propositiva della Commissione, dare attuazione alle deliberazioni di competenza emanate dell’ Ente Palio.

 

ART. 67) Commissione tecnica .
 
La Commissione tecnica è formata dal Direttore Tecnico da due consiglieri dell’ Ente Palio (Vice Direttori Tecnici nominati personalmente dal Direttore Tecnico) e da un Rappresentante Tecnico per ogni Rione.

Il Rappresentante di ogni Rione è nominato dal proprio capitano rionale entro sette giorni dal rinnovo del proprio Consiglio Direttivo e  può essere sostituito in ogni momento mediante delega scritta da consegnare al Presidente della Commissione Tecnica che provvederà a darne atto nel verbale di riunione .

La commissione non ha potere deliberativo ma esprime parere obbligatorio e non vincolante alle decisioni che spettano per competenza al Direttore Tecnico

Spetta alla Commissione Tecnica:
a) Emanare norme di carattere tecnico e sportivo nonché erogare sanzioni in caso di mancata collaborazione in attività operative precedentemente concordate;
b) Vigilare che le imbarcazioni, durante i periodi in cui sono assegnate ai Rioni, non subiscano danni o modifiche;
c) Provvedere a delimitare il campo di gara;  
d) Fare la ricognizione delle misure dei remi e del timone nonché la verifica dei battelli prima della gara.

 

ART. 68) Commissione Artistica

La Commissione Artistica è formata dal Direttore Artistico da due consiglieri dell’ Ente Palio (Vice Direttori Artistici nominati personalmente dal Direttore Artistico) e da un Rappresentante Artistico per ogni Rione.

Il Rappresentante di ogni Rione è nominato dal proprio capitano rionale entro sette giorni dal rinnovo del proprio Consiglio Direttivo e  può essere sostituito in ogni momento mediante delega scritta da consegnare al Presidente della Commissione Artistica che provvederà a darne atto nel verbale di riunione

La commissione non ha potere deliberativo ma esprime parere obbligatorio e non vincolante alle decisioni che spettano per competenza al Direttore Artistico.

Spetta alla Commissione Artistica:
a)    coordinare in relazione alle manifestazioni legate al Palio marinaro dell’Argentario tutte le azioni che devono essere intraprese
b)    fissare i criteri e gli indirizzi, nonché le modalità di esecuzione delle attività da svolgersi in maniera coordinata tra i quattro rioni
c)    proporre al consiglio del  Palio iniziative, curandone l’aspetto  organizzativo e logistico
d)    essere tramite e coordinatore attivo per l’organizzazione del corteo storico
e)    curare i rapporti con altri enti pubblici, associazioni, società private per la buona riuscita del Palio e delle manifestazione di corredo
f)    esaminare una lista di artisti tra cui scegliere gli esecutori del Palio, del Manifesto del Palio e del Manifesto della consegna dei battelli
g)    mantenere i contatti con il Comune di Monte Argentario per quanto riguarda il cartello festeggiamenti del Palio Marinaro dell’Argentario
h)    collaborare nell’ organizzazione della festa del rione vincente

 

ART. 69) Commissione Promozione e Marketing

La Commissione Promozione e Marketing è formata dal Direttore Promozione e Marketing, da due consiglieri dell’ Ente Palio (Vice Direttori Promozione e Marketing
nominati personalmente dal Direttore Promozione e Marketing) e da un Rappresentante Promozione e Marketing per ogni Rione.

Il Rappresentante di ogni Rione è nominato dal proprio capitano rionale entro sette giorni dal rinnovo del proprio Consiglio Direttivo e  può essere sostituito in ogni momento mediante delega scritta da consegnare al Presidente della Commissione Promozione e Marketing che provvederà a darne atto nel verbale di riunione

La commissione non ha potere deliberativo ma esprime parere obbligatorio e non vincolante alle decisioni che spettano per competenza al Direttore Promozione e Marketing.

Spetta alla Commissione Promozione e Marketing
i)    promuovere forme di propaganda pubblicitaria
j)    procacciare e ricevere contributi o sponsorizzazioni
k)    tenere contatti con i mass-media in particolare stampa e televisione locale e non
l)    curare e tutelare l’ immagine del Palio e dell’ Ente Palio
m)    promuovere iniziative culturali a scopo prevalentemente pubblicistico rivolte alla tutela e valorizzazione della manifestazione anche mediante produzioni scritte ed audiovisive.
n)    Organizzare concorsi a premio e lotterie
o)    Promuovere l’ evento palio e la festa del rione vincente su scala commerciale.
p)    Gestione grafica e funzionale del sito internet ufficiale 
q)    Gestione di una recensione giornalistica.

 

ART. 70) Convocazione delle Commissioni.

Le tre Commissioni possono essere convocate a mezzo di invito scritto o e-mail da inviarsi almeno tre giorni prima della seduta, con l'indicazione dell'ordine del giorno dai Presidenti delle rispettive Commissioni

 

ART. 71) Competenze del Segretario -Tesoriere

Spetta al Segretario-Tesoriere:
a) elaborare un calendario e uno scadenzario delle attività dell’Ente Palio e del suo Consiglio
b) verbalizzare le sedute del Consiglio dell’ Ente Palio e delle tre commissioni;
c) redigere i verbali come previsti dallo Statuto;
d) raccogliere e conservare gli atti ufficiali del Palio, divisi tra loro per edizione, con tutti i
verbali, documenti ed atti che ad esso si riferiscono;
j)    predisporre gli inviti per le riunioni del Consiglio e delle tre commissioni e curarne la notifica agli interessati in forma scritta, salvo in casi di urgenza in cui convocare i membri del Consiglio con il mezzo più celere che ritiene opportuno
k)    curare la corrispondenza ed il protocollo, nonché la tenuta di albi e registri
l)    aggiornare gli archivi
m)    ritirare le liste degli equipaggi, dei dirigenti e dei tesserati di ogni singolo Rione
n)    tenere aggiornato l’archivio del Consiglio dell’Ente Palio
o)    Apporre obbligatoriamente  il parere preventivo di regolarità contabile e copertura finanziaria sulle proposte portate in discussione

 

ART. 72) Competenze congiunte del Capitano del Palio e del  Segretario Tesoriere

Di concerto con il Segretario -Tesoriere il Capitano del Palio:
a) predispone il bilancio preventivo ed il conto  consuntivo da sottoporre all'approvazione del Consiglio del Palio;
b) firma gli atti relativi agli interessi del Consiglio del Palio;
c) cura la gestione amministrativa e contabile del Consiglio del Palio;
d) provvede alla liquidazione delle spese inerenti  i servizi del Consiglio del Palio;
e) cura la corrispondenza, il protocollo, i verbali e gli atti del Consiglio del Palio.
f) la gestione della tesoreria dell’ Ente Palio

ART. 73) Medico Sportivo e sue attribuzioni.

Il Medico Sportivo del Palio viene designato entro il 1° Dicembre in concomitanza con il rinnovo del Consiglio dell’ Ente Palio, dagli altri membri del Consiglio del Palio di cui lo stesso entrerà a far parte.
La designazione dovrà essere fatta possibilmente tra i medici esercenti la professione in Porto S. Stefano o in zone limitrofe che abbiano offerto la propria disponibilità all'incarico.-
Sono di competenza del Medico Sportivo:
a) apporre il proprio parere in merito ad argomentazioni di competenza e rappresenta comunque una figura consultiva che esprime pareri obbligatori e vincolanti in ordine alla salute ed incolumità fisica degli atleti.

b) effettuare la visita medica agli equipaggi, qualora ne facciano richiesta, ed il rilascio del certificato ad ogni singolo vogatore di idoneità fisica alla partecipazione al Paliotto.
c) relazionare alla Federazione qualsiasi richiesta scritta proveniente dai vogatori. Sarà altresì dovere del Medico rispondere al vogatore per scritto  alla predetta richiesta.

 

ART. 74) Entrate dell’ Ente Palio.

Le entrate  possono essere di tipo istituzionale e commerciale:
Si considerano entrate istituzionali:
a) il contributo annuo del Comune di Monte Argentario;
b) i contributi di ogni altro Ente pubblico o privato;
c) i proventi delle penali e delle ammende;
d) ogni altra donazione spontanea e volontaria.

Si considerano entrate commerciali:

e) pubblicità
f) sponsorizzazioni
g) introiti per diritti televisivi
h) ogni altra entrata di bilancio reperita con manifestazioni collaterali di cui all’Art 58 del presente Statuto.

Le somme derivanti dagli introiti istituzionali devono essere esclusivamente destinate alla sopravvivenza dell’Ente Palio e dei quattro Rioni; in particolare il contributo annuo del Comune di Monte Argentario deve essere ripartito 1/3 all’ Ente e  2/3 ai rioni,  ed il trasferimento delle somme a questi ultimi deve essere effettuata entro e non oltre il settimo giorno dalla entrata in valuta del bonifico proveniente dalla Tesoreria comunale.

Le somme derivanti dalle entrate commerciali, possono essere utilizzate dall’Ente Palio per l’ammodernamento, l’ampliamento e il potenziamento dei mezzi propri, fino ad un massimo consentito del 50%. Le eventuali somme non impiegate unitamente al restante 50% saranno ripartite tra l’ Ente Palio ed i quattro Rioni.

OMISSIS.

 
 
 
La Redazione