Publio Nostro – Zuzzurellone

Pilarellaio, Zuzzurellone

ascolta il canto delle Sirene

Mi sar mill’anni che passa la notte

così al mattino è già primavera

allora gioco col gusto e gustera, 

e alla poventa mi sgrinzo di sole…

Quel sole che illumina i tetti della Pilarella, 

quel sole che gioca a cuccù col batticcio del mare

quel sole che sveglia e colora questa meraviglia

ch’è fatta di niente, di tutto e ‘na ‘nticchia di me!

Una chitarra, un bastimento, stornelli, stroppoli 

vanno col vento

Vorrei imbarcarmi su questo veliero, 

sentire odore di catrame e di mare, 

cantare assieme una storia d’amore, 

e dopo far la mostosa col sole!

Quel sole che illumina i tetti della Pilarella, 

quel sole che gioca a cuccù col batticcio del mare

quel sole che sveglia, colora questa meraviglia

ch’è fatta di niente, di tutto e ‘na ‘nticchia di me!

Tempo di giochi, di sanguzzate,

di cassettoni, tempo d’estate,

calaministro che giri pel mondo

non hai mai visto una cosa più bella, 

della magnifica mia Pilarella, 

piena di luci, di splendido sole…

Quel sole che illumina i tetti della Pilarella, 

quel sole che gioca a cuccù col batticcio del mare

quel sole che sveglia, colora questa meraviglia

ch’è fatta di niente, di tutto e ‘na ‘nticchia di me!