Da qui a Ferragosto, fiumi di parole

Quella che ci vedrà impegnati sarà una stagione densa di appuntamenti al murello. I tempi del Bontà sono finiti, ma prepariamoci a mille discorsi fritti, tutto e il contrario di tutto, dove si consumeranno i commenti più disparati e le previsioni meno azzeccate. Ma il Palio è soprattutto questo e senza le solite zizzagne sarebbe come mangiare una fetta di pane asciutta senza neanche un filo d'olio ed un pizzico di sale.

Perchè diciamo questo? Semplice: il pre-palio del 2009 sarà ricordato a lungo per le attese e i proclami che tutti e quattro i rioni faranno, e stanno già facendo da settembre, sulla validità degli armi che hanno a disposizione. Poi magari il risultato sarà una gara scontatissima dove uno vince e gli altri dietro a decine di metri, ma state tranquilli che tutti, ma proprio tutti, si sentiranno in pole position da subito per alzare lo stendardo in Comune. Trovate un rione che parte un attimino dietro rispetto gli altri. Tra chi conferma un gruppo collaudato e chi mette in campo fame di vittoria e competenze non c'è sulla carta un ambiente demoralizzato o fiducioso del decennio che è alle porte. No no, tutti vorranno primeggiare e, credetemi, sarà un bello scannamento. La Fortezza è ovvio che parte favorita. Stop, chiuso. La Croce finalmente, dopo essere stati gli artefici della preparazione semi-professionistica, riusciranno ad avere un equipaggio giovane e allo stesso tempo pronto per i grandi appuntamenti. Ma soprattutto avranno quel preparatore in acqua che mancava da anni. Il Valle è in attesa. Non per questo però sta alla finestra. Consiglio nuovo e creato a suon di voti. Quindi molte speranze per i rionali di vedere il proprio guzzo subito protagonista. Ed ecco che, come prassi, al Valle è iniziato il gran gioco degli equipaggi. Tutti vogliono i Gabrieli esposti alla luce del faro, ma dalle campagne controbattono che per ora stanno bene all'ombra del forte. E di questi tira e molla anche noi pilarellai ne sappiamo qualcosa. Finirà che rimarranno sù, mentre giù sarà in cantiere la seconda opzione basata sui soliti nomi. E comunque saranno sempre i favoriti perchè è nel loro DNA esserlo. Noi invece? Riconfermati tre quarti dell'armo del 2008, stesso preparatore, qualche accorgimento tecnico e ultimo tassello in dirittura d'arrivo. Una bella base di tutto rispetto che però deve fare quel salto di qualità necessario. C'è più ingarizia al Valle e alla Croce, ma più solidità e certezze alla Pilarella. E poi una fame che dura da 11 anni.

Allora. Siete pronti a ripartire? Magari ora è presto ma come fa Canale 5, questi sono i film in prima visione per la prossima stagione. E, ve lo dico subito, ci sarà a breve una tavola rotonda con 12 personaggi, 3 per ogni rione. Farò personalmente da mediatore. Alla Floris, quindi di parte, ma ci vuole pure quello. Tre telecamere e del pubblico. Location e data ancora da stabilire. Il dovere ci dice che di fronte a tutte queste attese, non si potrà far finta di niente……

 

Claudio Busonero