Ma il resoconto del lunedì?

In tanti me lo domandano e lo chiedono sempre. "Ma ora che avete aperto un nuovo sito e avete ripreso qualche vecchia rubrica, come mai non riproponete il resoconto del lunedì?". Non avete tutti i torti. Ma le ragioni sono diverse. Non per ultima quella che mi vedeva costantemente attaccato dagli altri sul fatto che pilarella.com fosse un blog personale. Ma c'è chi mi ha difeso. E come si fa a non smentirlo.

La lista dei vecchi collaboratori di pilarella.com era interminabile. Davamo addirittura voce a vallaioli (Tronchetto, Lirving, Pesante) cercando in diversi discorsi di rimanere più obbiettivi possibile. Ma si sa che nel nostro paese le polemiche e le gelosie sono a mille. Addirittura ci è stato rinfacciato che facevamo politica. In molti però non conoscono il significato di questa parola. Mi dite come si chiama il dare in testa a Guerrini dell'acqua? E sul fatto che il rione non ha ancora una sede? Non è politica? Questi argomenti sono stati trattati su pilarella.com ultimamente e devo dire che hanno fatto non bene, ma benissimo. Però a qualcuno ha fatto comodo lanciare bordate. E vi anticipo che tra quaranta giorni c'è chi si ritroverà con un doppio incarico. ma torniamo all'argomento: come mai non più il resoconto? La ragione è una sola: quando una cosa viene ricordata nel tempo è proprio perchè ha caratterizzato un periodo. Il resoconto del lunedì era un modo per parlare di quello che era successo nel fine settimana. Una finestra sul paese, una sull'Italia, tante su tutto ciò che ci circonda. Un modo per far sentire i santostefanesi che vivono fuori un pò più vicini allo scoglio. Se una rubrica, però, viene interrotta è bene che ne nascano altrettante. Con la Gazzetta del Palio è stata la stessa cosa. Come mai ha lasciato un bel ricordo? Al di là del servizio che offrivamo gratuitamente, molte situazioni un pò scomode che ne venivano fuori, compresi momenti di malumore. Perchè fino a quando tutti gridano il tuo soprannome non succede niente, ma se un foglio lo riporta, via dai carabinieri a denunciare il fatto. Ricordo a chi fa sempre ironia sul discorso Palio-Benemerita che il sottoscritto si è visto per ben tre volte arrivare i carabinieri a casa e quattro volte convocato in caserma. Non ne ho mai fatto un dramma e ho chiarito sempre il tutto. La Gazzetta ha smesso dopo otto anni di successi. Rimane li, collocata in quel periodo a cavallo tra i due secoli. Se i siti sono venuti fuori come mai hanno fatto in questi ultimi anni e se un "careggiaparole" cercherà di emularne le gesta, di chi sarà il merito? Il mondo cambia ed è in continua evoluzione. Il Palio rimane, quello che c'è di contorno deve mutare continuamente. Pilarellai.net continua su questa strada. E' il primo sito di nicchia del mondo palistico santostefanese. Rivendichiamo la nostra identità e siamo pronti a difenderla. La tradizione vive soprattutto grazie all'equilibrio tra il nuovo e il vecchio, la novità e la consuetudine.