Finalmente s'inaugura la sede

Domenica 5 giugno alle ore 19.30 il locale di Via del Molo 55 sarà ufficialmente dichiarato "sede rionale". Ci sono voluti più di due anni per arrivare a questo evento che ci siamo sempre ripromessi di fare, ma che, per forza di cose ed impegni vari, abbiamo sempre rimandato. D'altra parte questo fondo è stato subito sfruttato dal direttivo rionale e vissuto in più modi: dalle riunioni del consiglio, come base per gli allenamenti di Palio e Palietto, da tappa per la colonia dei piccoli, a punto di consegna vestiti sfilata, da fondo logistico organizzativo, a semplice luogo di ritrovo dei rionali.

Si torna in mare

Finalmente il Gambero è tornato ad essere bagnato dall'acqua dello scoglio. Sabato scorso è avvenuto il trasferimento del nostro battello di allenamento dalla Canottieri allo scalo d'inizio paese. Più tardi il guzzo è stato ormeggiato al Moletto dove rimarrà per tutto il periodo degli allenamenti in attesa della consegna del battello ufficiale. Ancora una volta tutto è andato alla perfezione grazie soprattutto all'intervento di Angelo Capitani detto il Bianchino, cuore e anima dell'aspetto tecnico-logistico rionale.

Il Paliaccio in chiave Palietto

Quest'anno, come non mai, tutti i rioni stanno trovando estrema difficoltà nel comporre gli equipaggi dei più giovani. Sembra ci sia una grossa disaffezione nei confronti della voga, o forse siamo di fronte ad una generazione a cui importa poco delle tradizioni, soprattutto di quella remiera. Le colpe e le responsabilità sono un pò di tutti noi, dai genitori alla scuola, ma soprattutto del mondo del palio che dovrebbe pensare, tra le tante cose, a far avvicinare le giovani leve all'unico discorso a cui siamo più affezionati qua a Porto Santo Stefano.

Poco più di 100 giorni

Ridendo e scherzando anche quest'anno ci siamo. Siamo solamente agli inizi di maggio, ma se facciamo due conti a Ferragosto manca davvero poco. Tre mesi e mezzo dove l'attività rionale verrà concentrata al solito modo, tra eventi e appuntamenti che oramai sono diventati una piacevole routine. Ogni tanto però delle iniziative "una tantum" vengono fissate sul calendario e quella che avverrà tra un mese non potrà rimanere inosservata.

Il nostro è l'armo più giovane

Siamo entrati in marzo, la primavera inizia a farsi sentire, gli allenamenti che ci porteranno alla gara di Ferragosto si fanno sempre più serrati. Questo è un periodo dove è necessario mettere fieno in cascina, creare quella base fondamentale per le fatiche in mare degli ultimi mesi. I nostri ragazzi stanno lavorando a pieno ritmo, come del resto tutti gli altri equipaggi. Il Valle con l'imbarco di Angioletto (gradito ritorno di un grande del palio che a 51 anni si rimette in gioco alla Rocky Balboa) va a completare gli armi che faranno parte del 75° Palio Marinaro dell'Argentario.

Abbiamo aperto un ciclo

Negli ultimi anni sicuramente le cose in gara non sono andate come speravamo, anche se siamo stati sempre competitivi. Su una cosa però non possiamo lamentarci, anzi c'è solo che da rimanerne fieri: la passione e la bravura di come stiamo curando l'aspetto folckloristico, in particolar modo la sfilata. Gli ultimi due anni ci hanno visto sbaragliare nei costumi di ferragosto conquistando il primo premio grazie soprattutto alle direttive di Claudia Casalini che, pianificando al meglio le idee e le proposte, in sintonia con le ragazze del consiglio rappresentate da Alessia Galatolo hanno presentato un prodotto di qualità notevole.